COME FARE I MIGLIORI AFFARI PER IL BLACK FRIDAY (ovvero non comprare una sega e usare il Black Friday per la tua liberazione)

Se comprenderai i punti seguenti farai il miglior affare per il Black Friday, risparmiando vagonate di soldi.

1. Oggi l’economia è fatta per costringere tanta gente a lavorare a ritmi insostenibili per produrre cose per la maggior parte inutili, perché altri, lavorando a ritmi altrettanto insostenibili, possano comprarle.
Questo ingrassa le multinazionali, le grande aziende, le banche, alcuni politici, e ti priva di gioia e felicità.
Questo tipo di mentalità ha attualmente trionfato sulle altre concezioni del mondo possibili.
Sembra non ci sia etica, religione, ideale o popolo che tenga davanti all’ideologia del consumo.

2. Vai in un centro commerciale, il moderno campo di concentramento del consumo. Osserva la gente, il luogo, l’energia. Le persone sembrano come ipnotizzate, istupidite dagli oggetti, attaccate alle cose, agli aggeggi che sembrano essere sempre nuovi e pieni di promesse.
Perché si accampano in coda per l’ultimo Iphone? Che cosa fanno con tutti quei carrelli pieni di cose, molte delle quali inutili cazzate che dimenticheranno in fretta? Che cosa fanno?
Scappano.
Scappano da se stesse. Siccome non vogliono vedere il vuoto del Nulla che le avvolge, cercano di scappare con le poche cose rimaste, dopo che dio, il partito e tutto il resto sono morti.
Sono disposte a lavorare dieci ore al giorno con fatica e disgusto, perdere ore per guidare e parcheggiare, stare nella confusione, spendere quello che hanno guadagnato lavorando di malavoglia, per ingozzarsi di cose nocive, per comprare prodotti tecnologici che dopo tre mesi diventeranno obsoleti.
Scappano attraverso il consumo, incatenati da uno stimolo al possesso dopo l’altro, sedotti dalla promessa inconscia e vuota di appagamento che la società ha abilmente costruito.

3. Il Sentire è la porta di accesso al vero godimento. Sentire è attenzione al proprio corpo, consapevolezza di se stessi e delle sensazioni, riconoscimento dello spazio interiore e intelligenza emotiva. Il Sentire è la porta di accesso alla saggezza e alla beatitudine.
Apprezzare, godere di un oggetto, provare piacere nell’utilizzo di una cosa ma sapere che l’oggetto non aggiunge e non toglie nulla alla propria felicità cambia l’approccio alla vita e spezza l’attaccamento al consumo.
La ricerca forsennata della sensazione, invece, è scappare dal Sentire. L’ansia del consumo è figlia della disperazione.
Dentro di te c’è un meccanismo che ti fa desiderare un oggetto (materiale o immateriale) perché nel tuo computer interno c’è un virus che ti promette che è lì che troverai il tuo totale appagamento

4. Il grande filosofo Diogene, che di Black Friday se ne intendeva, era l’uomo più ricco e libero del mondo. Poteva permettersi di dire all’uomo più potente di allora, Alessandro il Grande, che gli aveva detto che avrebbe potuto esaudire qualsiasi sua richiesta: ” allora spostati che mi fai ombra”.
Diogene andava al mercato contento e diceva: “guarda quante belle cose di cui non ho bisogno”, e poi non comprava niente.

5. Il Black Friday è una benedizione, se lo sai usare bene. Non ti sto dicendo di non comprare, di fare l’asceta, di rifiutare il consumo. Anzi, il mio invito è a godere. Ma se hai molte dipendenze dagli oggetti, se sei ossessionato dagli sconti, se hai bisogno di comprare per sentirti bene, non stai godendo. Stai male. Quindi puoi osservare i nodi, le dipendenze, le bramosie, quello che ti incatena, che ti dà una botta di dopamina, e poi ti ributta nell’ansia. Puoi vedere dove e come diventi schiavo di qualcosa. Utilizza il Black Friday per la tua liberazione

LIBERAMENTE TRATTO E INTEGRATO DAL MANUALE DEL PARTIGIANO ZEN (non comprarmelo durante il Black Friday o ti sparo, eh!!!!)

https://manualedelpartigianozen.wordpress.com/libro/

https://www.youcanprint.it/…/manuale-del-partigiano-zen-978…

https://www.amazon.it/…/B07B…/ref=as_li_ss_sm_it_fb_asin_tl…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *